Servizio di informazione, ricerca di informazioni, consigli tecnici, risparmio energetico, impianti panelli solari, analisi di investimento, reperimento delle migliori offerte per auto, abitazioni, indagini, inchieste di mercato, sondaggi, servizio informazioni globale per famiglie, pareri legali, professionisti e aziende, ottimizzazione siti web, servizi di pubblicità su internet (creazione campagne adword's e facebook), redazione comunicati stampa mirati, realizzazione video ricordo, eventi in italia, consulenze

Ristrutturazione e rifacimento impianto elettrico e idrico: occorre l'autorizzazione del comune?

DOMANDA ricevuta il 28 gennaio 2012

Salve, con la presente email vorrei porvi un quesito tecnico:

In un locale di circa 60 metri di mia proprietà è già presente sia un impianto elettrico sia un impianto idrico-fognante a norma di legge (con relativa certificazione del 2001). In questo locale ho provveduto a rimuovere l'intonaco e la tubazione esistente dell'impianto con al max la sostituzione di qualche cassetta rotta e della nuova pulsanteria a norma in plastica anziché in metallo.

Bene, la mia domanda è la seguente: per fare questi lavori devo avere una DIA o SCIA o posso chiamare un elettricista e farli?

In attesa di un vostro cordiale riscontro colgo l'occasione per salutarvi e ringraziarvi.

RISPOSTA:

GENTILE CLIENTE,
PURTROPPO NON POSSO RISPONDERLE CON PRECISIONE IN QUANTO LE NORME CHE REGOLANO QUESTO TIPO DI COMUNICAZIONE (LA DIA), SONO DIVERSE REGIONE PER REGIONE, COMUNQUE  LE RIPORTO DI SEGUITO ALCUNE INFORMAZIONI TROVATE IN RETE  INERENTI ALLA SUA DOMANDA.

INOLTRE CI TENGO A SPECIFICARE CHE ESISTE UNA DETRAZIONE DEL 36% DI IRPEF SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, CHE SI PUO' RICHIEDERE SOLO AVENDO PRESENTATO LA DIA ( O SCIA), COMUNQUE LE CONSIGLIO DI TELEFONARE ALL'UFFICIO DEL SUO COMUNE,  A ROMA SI CHIAMA SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA, E CHIEDERE  ULTERIORI DELUCIDAZIONI. DI SEGUITO LE INFORMAZIONI RACCOLTE PER LEI:

--"L'adeguamento impianto non è soggetto a Dia in quanto si configura come manutenzione ordinaria. Attento però alla legge 37. Vanno comunque inviate presso il comune due copie della DICO, una delle quali verrà trasmessa dallo sportello comunale alla camera di commercio. Pertanto consiglio quanto meno di inoltrare la comunicazione per esecuzione di opere di manutenzione ordinaria."

-- " Riporto un riassunto, Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, del Decreto Legge 25 marzo 2010, n. 40, che contiene la norma, attesa da tempo, che consente "di realizzare, senza alcun titolo abilitativo, interventi edilizi di manutenzione ordinaria e straordinaria, eliminazione di barriere architettoniche, [...] serre mobili stagionali, opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, pannelli fotovoltaici e termici, aree ludiche senza fini di lucro".

-- Nelle regioni Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Toscana, Trentino, Umbria, Sicilia, Val d'Aosta, Veneto, dove è in vigore una legislazione regionale più restrittiva, il Decreto non è (ancora) applicabile.

-- Riporto anche l'art. 6 del DPR 380/2001 (Testo Unico sull'edilizia) modificato dal D.L. 40/2010:
ART. 6. (L) – (Attività edilizia libera). – 1. Salve più restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale e comunque nell’osservanza delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienicosanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica nonché delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, i seguenti interventi possono essere eseguiti senza alcun titolo abilitativo:
a) gli interventi di manutenzione ordinaria;
b) gli interventi di manutenzione straordinaria di cui all’articolo 3, comma 1, lettera b), sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici;
c) gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
d) le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
e) i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
f) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;
g) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;
h) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale;
i) i pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di accumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori delle zone di tipo A di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444;
l) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.
2. Al fine di semplificare il rilascio del certificato di prevenzione incendi per le attività di cui al comma 1, il certificato stesso, ove previsto, è rilasciato in via ordinaria con l’esame a vista. Per le medesime attività, il termine previsto dal primo periodo del comma 2 dell’articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37, è ridotto a trenta giorni.
3. Prima dell’inizio degli interventi di cui al comma 1, lettere b), f), h), i) e l), l’interessato, anche per via telematica, comunica all’amministrazione comunale, allegando le autorizzazioni eventualmente obbligatorie ai sensi delle normative di settore e limitatamente agli interventi di cui alla citata lettera b), i dati identificativi dell’impresa alla quale intende affidare la realizzazione dei lavori
4. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. "

---" La Dia è stata recentemente sostituita dalla SCIA per interventi di ristrutturazione interna degli appartamenti. In caso di presentazione puoi iniziare i lavori il giorno dopo e non aspettare i 30 giorni com'era per la DIA.
Il rifacimento degli impianti elettrico ed idraulico rientra nella "manutenzione ordinaria" per la quale non è prevista la presentazione della SCIA, ma si può facoltativamente presentare una "Comunicazione di inizio lavori per manutenzione ordinaria" con l'indicazione delle lavorazioni da effettuare.
Il vantaggio per te è che è a firma del Proprietario (e non del progettista, quindi nessuna spesa)."

--- ALTRE FONTI

http://www.logicaenergetica.it/manutenzione-straordinaria-dia-sostituita-dalla-comunicazione-di-inizio-lavori/

http://www.fo.archiworld.it/OFO/Engine/RAServePG.php/P/28911OFO0300/M/25521OFO0404

http://it.wikipedia.org/wiki/Denuncia_di_inizio_attivit%C3%A0_in_edilizia

http://www.professionearchitetto.it/news/notizie/13422/Detrazioni-Irpef-del-36-eliminato-l-obbligo-della-comunicazione-di-inizio-lavori-al-COP

http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?jppagecode=muni_xi_uff_tecnico.wp

LA RINGRAZIAMO PER AVER SCELTO ADOMANDARISPONDE.IT, SPERANDO CHE QUESTE INFORMAZIONI LE POSSANO ESSERE UTILI

CORDIALI SALUTI
LA REDAZIONE ADOMANDARISPONDE.IT

-----------------------------------------------------------------------

Categoria Articolo: Le vostre Domande - esempi pubblicati
Alcune delle domande che ci avete mandato, alle quali abbiamo risposto gratuitamente. Rendiamo anonime tutte le domande che pubblichiamo, così da poter assicurare il rispetto della privacy di tutti gli utenti.

Share this